Titolo progetto |  MediAZIONE di Quartiere

In partnership con | Fondazione il faro di Susanna Agnelli, Asset-Camera Azienda Speciale della C.C.I.A.A. di Roma

Ente co-finanziatore | Camera di Commercio di Roma

Finalità del progetto | Promuovere l’integrazione tra i residenti dell’ex VI Municipio di Roma, tramite la mediazione quale strumento di risoluzione delle controversie. A tal fine il progetto si pone degli obiettivi specifici: la realizzazione di un servizio di sportello per l’ascolto territoriale, che faccia attività di orientamento e consulenza legale per cittadini di paesi terzi e che aiuti a individuare le questioni che rappresentino degli effettivi ostacoli all’integrazione sociali; sensibilizzare la popolazione sui vantaggi offerti dalla mediazione nella risoluzione di controversie; aumentare la possibilità di dialogo tra i membri della comunità, promuovendo così lo sviluppo di una comunità capace di mettere in campo le proprie risorse e competenze nel risolvere le problematiche che possono nascere dalla convivenza interculturale.

Descrizione del progetto | Il progetto si suddivide in diverse fasi   1) individuazione delle potenziali cause  di discriminazione 2) apertura di cantieri di mediazione per la risoluzione delle controversie 3) diffusione delle attività progettuali  4) valorizzazione delle attività progettuali.

L’individuazione delle cause di discriminazione avverrà sia tramite l’ascolto territoriali, che consiste in una serie di interviste a dei testimoni privilegiati, quali associazioni di stranieri, ong, enti territoriali, e con l’apertura di uno sportello di ascolto territoriale, situato all’interno del V Municipio, che fornirà un servizio di orientamento legale e lavorativo ai cittadini di paesi , oltre a raccogliere materiale per le future mediazioni.

Una volta individuate le principali cause di conflitto verranno attivati dei cantieri di mediazione che vedranno la partecipazione degli enti pubblici, dei rappresentanti delle parti in mediazione, con l’assistenza di mediatori professionisti.

Successivamente tutto il materiale raccolto verrà rielaborato sotto forma di  rapporto, linee guida e best practices per poter implementare il progetto anche negli altri Municipi.

Parallelamente alle attività di ascolto, cantiere e rielaborazione verranno organizzati diversi eventi di aggregazione allo scopo di favorire l’integrazione, tramite cene multietniche e concerti di musica etnica, e di favorire la diffusione stessa del progetto.

 

Durata del progetto | da luglio 2013 a giugno 2014

Pagina web ufficiale del progetto Mediazioni di Quartiere

 

In Evidenza