Docenti

Direttore della Scuola

ANTON GIULIO LANA

Anton Giulio Lana è un Avvocato che svolge la sua attività professionale dal 1990 prevalentemente nel campo del diritto civile, del diritto di famiglia e minorile, del diritto internazionale, pubblico e privato e del diritto dell’immigrazione. È Senior partner dello Studio legale associato Lana-Lagostena Bassi e, dal 2002, è abilitato al patrocinio presso le Magistrature Superiori. Sin dai primi anni ’90 assiste persone fisiche, società, associazioni e partiti politici dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo. È autore, tra gli altri, del ricorso Hirsi ed altri contro Italia, che ha dato origine alla storica sentenza di condanna dell’Italia in materia di respingimento di stranieri in alto mare.

È Presidente dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani (UFTDU), Direttore della Rivista quadrimestrale “I diritti dell’uomo. Cronache e battaglie” e autore di numerose pubblicazioni in materia di diritti umani, diritto delle migrazioni e diritto internazionale dei trasporti.

Ha ricoperto numerosi incarichi di docenza, tra cui nel Master “Tutela internazionale dei diritti umani”, presso l’Università “La Sapienza” di Roma, ed è Professore a contratto di Tutela europea dei diritti umani presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” e di Diritto europeo presso la Scuola di perfezionamento per le professioni legali del medesimo Ateneo. Ha fatto parte del collegio di difesa che per primo, in Italia e negli Stati Uniti, ha promosso la tutela delle vittime di contagio da emoderivati o trasfusioni infette, portando positivamente a termine numerose cause di risarcimento danni e contribuendo alla creazione di un orientamento giurisprudenziale innovativo in materia di responsabilità della pubblica amministrazione per omissione di “farmacovogilanza”. Nel 2005 ha contribuito all’accordo transattivo di oltre 700 emofilici con il Ministero della Salute. Inoltre ha svolto e svolge l’attività di arbitro (anche con funzioni di presidente) in diverse procedure arbitrali in materia di diritto societario e degli appalti.

Nella sua attività di consulente a difesa dei diritti umani rientrano l’incarico di Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione presso Institut des Droits de l’Homme des Avocats Européens (IDHAE), di membro permanente del Comitato “Permanent Delegation Strasbourg” del Consiglio degli Ordini Forensi europei (CCBE) e di membro della Commissione dei diritti umani istituita presso il Consiglio Nazionale Forense.

 

Responsabili di area


STEFANIA BARIATTI

Stefania Bariatti è Professore ordinario Diritto internazionale presso l’Università degli Studi di Milano, dove insegna anche Diritto internazionale privato e processuale e International Insolvency Law. In precedenza ha insegnato Diritto internazionale e Diritto dell’Unione europea presso le Università di Genova, Sassari e Milano-Bicocca, nonché Diritto internazionale privato nell’Università di Tolosa e alla LUISS.
E’ Of Counsel presso un importante studio legale con sedi in Italia e all’estero, dove si occupa di diritto della concorrenza, diritto dell’Unione europea e arbitrato commerciale internazionale. Rappresenta l’Italia nel Governing Council di UNIDROIT, l’Organizzazione internazionale per l’unificazione del diritto privato con sede a Roma, ed è presidente del consiglio di amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. e di SIAS S.p.A., e membro del consiglio di amministrazione di ASTM S.p.A. e SIT Group S.p.A..
Stefania Bariatti ha assistito la Commissione europea in relazione all’adozione di alcuni atti europei in materia di insolvenza, come la revisione del Regolamento europeo sulle procedure di insolvenza e la Raccomandazione su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all’insolvenza. Ha anche assistito il Parlamento europeo nell’adozione di alcuni atti in materia di cooperazione giudiziaria in materia civile. Dal 1999 al 2007 ha fatto parte della delegazione italiana presso la Conferenza dell’Aja di Diritto internazionale private e ha presieduto le sessioni e la conferenza diplomatica sulla legge applicabile agli strumenti finanziari detenuti attraverso un intermediario.
Stefania Bariatti è condirettore della Rivista di Diritto Internazionale Privato e Processuale e membro del comitato di redazione o del consiglio scientifico del Journal of Private International Law, dei Cuadernos de derecho transnacional, dell’Italian Antitrust Review, del Nottingham Insolvency and Business Law e-Journal (NIBLeJ), de Le Nuove Leggi Civili Commentate. E’ membro del GEDIP-Groupe Européen de Droit International Privé e di numerosi centri di ricerca e associazioni scientifiche internazionali. E’ autrice di monografie e saggi su temi di Diritto internazionale private, Diritto internazionale e Diritto dell’Unione europea in italiano, inglese, francese e tedesco.

 

GIUSEPPE CATALDI

Giuseppe Cataldi è Professore ordinario di Diritto internazionale nell’Università di Napoli “L’Orientale” (Prorettore vicario, 2008-2014; direttore del Dipartimento di scienze sociali, 2002-2005). Coordinatore del Network europeo Jean Monnet MAPS (Migration and Asylum Policy Systems. Weaknesses, Shortcomings and Reform Proposals), Presidente dell’Association internationale du droit de la mer, autore di articoli e libri di diritto internazionale e diritto dell’Unione europea. Membro del Senato di EMUNI (Euro-Mediterranean University). Condirettore e fondatore della rivista “Diritti umani e diritto internazionale”, edita da Il Mulino, condirettore dell’Italian Yearbook of International law, edito da Brill. Consulente di istituzioni nazionali e internazionali.

 

CHIARA FAVILLI

Chiara Favilli è Professore associato di Diritto dell’Unione europea nell’Università di Firenze dal 2014 ed idoneo alla prima fascia dal 2017. Prima è stata associato nell’Università LUMSA di Roma e Palermo. Nel 2005 Ha conseguito un dottorato di ricerca presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Nel 2001 è stata visiting student presso il Centre for European Legal Studies di Cambridge e nel 2000 ha svolto uno stage presso la Commissione europea nell’Unità Antidiscriminazione e circolazione dei lavoratori.
È autrice di tre monografie (I limiti internazionali all’espulsione degli stranieri – 1998, La non discriminazione nell’Unione Europea – 2008 e Migration law in Italy – 2013) e di numerose pubblicazioni su vari temi di Diritto dell’Unione europea, in particolare sulle politiche di immigrazione e asilo, sulla non discriminazione e sull’attuazione del Diritto UE in Italia. Ha collaborato alla realizzazione di numerosi rapporti di ricerca in materia di politiche europee di immigrazione, asilo e di non discriminazione.
È membro del comitato di redazione della rivista Diritto, immigrazione e cittadinanza.
Collabora in attività di formazione rivolte ad avvocati, magistrati e funzionari su temi connessi all’Unione europea e svolge sugli stessi temi varie attività di consulenza per enti sia privati sia pubblici (Parlamento europeo; OHCHR; Ernst&Young Italia; Engineering Consulting; Comitato delle Regioni; FAPVE Ltd).
Dal 2012 è il membro italiano della rete di esperti indipendenti in materia di non discriminazione promossa dalla Commissione europea.

 

ANDREA GIARDINA

Andrea Giardina è Professore Emerito di Diritto Internazionale dell’Università “La Sapienza” di Roma dal 2011, già professore ordinario di Diritto Internazionale Privato e Processuale presso la Facoltà di Scienze Politiche e professore ordinario di Diritto Internazionale presso la facoltà di Giurisprudenza. È stato Direttore dell’Istituto di Diritto Internazionale dell’Università di Roma “La Sapienza” (1994-2000) e successivamente coordinatore della Sezione di diritto internazionale e dell’Unione Europea del Dipartimento di Scienze Giuridiche. In precedenza ha insegnato Organizzazione Internazionale presso l’Università di Siena, Diritto Internazionale presso l’Università di Padova, dove è stato Direttore del Centro di Studi Europei, e Organizzazione Internazionale presso l’Università di Napoli, dove è stato Presidente del Centro di Studi sulle Comunità Europee.
Dal 2016 è Presidente dell’Associazione Italiana per l’Arbitrato. Dal 2007 è Membre dell’“Institut de Droit International” ed è stato Rapporteur della 18^ Commissione su “Legal Aspects of Recourse to Arbitration by an Investor against the Authorities of the Host State under Inter-State Treaties”, Rapporto e Risoluzione approvata alla Sessione di Tokio nel settembre 2013.

 

PAOLO PALCHETTI

Paolo Palchetti è Professore ordinario di diritto internazionale presso l’Università di Macerata, dove è anche coordinatore del dottorato di ricerca in Scienze giuridiche. È stato senior research fellow del progetto “International Rule of Law: Rise or Decline?” (Humboldt-Universität zu Berlin/Freie Universität/Universität Potsdam), professeur invité presso l’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne, MacCormick Fellow della Law School of the University of Edinburgh e visiting professor presso l’Université Panthéon-Assas/Paris 2, l’Université de Nice/Sophie Antipolis, l’Universidade federal de Santa Catarina, l’Universidade federal de Minas Gerais (X Curso de Inverno). È co-direttore di “QIL-Questions of International Law”, membro della Direzione della “Rivista di diritto internazionale”, del comitato di direzione di “Diritti umani e diritto internazionale”, dell’editorial board di “International Organizations Law Review” e di “OXIO-Oxford International Organizations”. È stato esperto ad hoc del Ministero degli Affari esteri, nonché avvocato e consulente di vari Stati in controversie davanti alla Corte internazionale di giustizia. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche, in particolare sul tema dei meccanismi di soluzione delle controversie internazionali, sulle organizzazioni internazionali e sulle relazioni esterne dell’Unione europea.

 

FAUSTO POCAR

Fausto Pocar è Professore Emerito di Diritto Internazionale, già Preside e Vice Rettore dell’Università di Milano. Fa parte da 30 anni delle Nazioni Unite. Dal 2000 è Giudice d’Appello dei Tribunali Penali Internazionali per l’ex Jugoslavia e per il Ruanda (di quest’ultimo sino alla sua chiusura nel dicembre 2015). E’ stato Vicepresidente e poi Presidente (2005-2008) del Tribunale Penale Internazionale per l’ex-Jugoslavia, e ha presieduto un grande numero di casi, sia all’Aia sia ad Arusha. E’ stato per sedici anni (1995-2000), membro del Comitato dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite del quale è stato anche Presidente. Inoltre, ha servito come Rappresentante Speciale dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani in Cecenia e nella Federazione russa durante il primo conflitto (1995-1996). E’ stato Consigliere Giuridico della Delegazione Italiana all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e alla Commissione sui Diritti Umani, presiedendo il gruppo di lavoro informale che ha elaborato, nel quadro della Commissione sui Diritti Umani, la Dichiarazione sui diritti dei popoli appartenenti a minoranze nazionali o etniche, religiose o linguistiche, adottata nel 1992 dall’Assemblea Generale. Per un decennio, è stato anche Delegato Italiano al Comitato delle Nazioni Unite sull’Utilizzo Pacifico dello Spazio e del Sottocomitato Giuridico, ed è attualmente membro dell’elenco di arbitri per controversie sullo spazio della Corte Permanente di Arbitrato. Nel febbraio 2017 è stato nominato giudice ad hoc alla Corte Internazionale di Giustizia per la controversia tra Ucraina e Federazione russa.

Dal 2012 è Presidente dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario di Sanremo.

E’ membro del Consiglio dell’“Institut de Droit International” e di altre organizzazioni scientifiche. Ha tenuto conferenze alla “Hague Academy of International Law” e ha ricevuto numerosi riconoscimenti per la propria attività, incluso il Dottorato honoris causa ad Anversa e Buenos Aires, e nel 2014 è stato nominato Cavaliere di Gran Croce dal Presidente della Repubblica.

 

ANDREA SACCUCCI

Andrea Saccucci è professore associato di Diritto internazionale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” ed ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale di prima fascia. Oltre a svolgere vari incarichi di docenza nell’ambito di Master e Scuole di specializzazione, è titolare dell’insegnamento di International Law presso la LUMSA di Roma e del corso di Diritti umani presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Palermo nel 2002, Andrea Saccucci ha svolto vari periodi di ricerca e di insegnamento all’estero, in particolare presso la Law School della Columbia University e presso l’Università statale di Tirana in Albania.

Iscritto all’Albo degli Avvocati di Roma dal 2002 e abilitato al patrocinio presso le giurisdizioni superiori, Andrea Saccucci si occupa prevalentemente di contenzioso nazionale e internazionale in materia di diritti umani, di arbitrati internazionali in materia di investimenti (ICSID, ICC, UNCITRAL), di estradizione e mandato di arresto europeo, di controversie civili transnazionali, di riconoscimento ed esecuzione di sentenze e lodi arbitrali stranieri. Appare regolarmente dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo, alla Corte costituzionale e alla Corte di cassazione e alla Corte di giustizia dell’Unione europea, nonché davanti alle giurisdizioni superiori di altri Stati in qualità di consulente o esperto. Dal 2014 è Associate Tenant presso Doughty Street Chambers di Londra.

È membro dell’International Bar Association e dello Human Rights Institute dell’IBA, componente del Direttivo dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani, membro del Defence Extradition Lawyers’ Forum (DELF), dell’Istituto internazionale di Diritto umanitario di San Remo, dello European Network on Statelessness (ENS) e del Global Justice Network, componente della delegazione italiana della Corte europea di arbitrato e mediazione (CEAM), socio della Società italiana di Diritto internazionale e componente del Comitato scientifico dell’Istituto di diritto internazionale della pace “Giuseppe Toniolo”.

Dal 2000, ha svolto numerose missioni in qualità di esperto del Consiglio d’Europa, dell’Unione europea e dell’OSCE nell’ambito di varie attività istituzionali di formazione per magistrati, avvocati e ombusdman in diversi Paesi europei. È autore di numerose pubblicazioni, monografie e articoli in materia di diritto internazionale, diritti umani e diritto dell’Unione europea; è responsabile di redazione della rivista I diritti dell’uomo, cronache e battaglie, membro del comitato di redazione della rivista Diritti umani e diritto internazionale, membro del comitato scientifico della rivista www.immigrazione.it e membro del comitato scientifico di Giurisprudenza penale.